Il progetto

La mostra sarà a carattere co-creativo, pertanto il materiale verrà raccolto dall'associazione attraverso partner dell'evento e la cittadinanza. Utilizzando questo metodo si punta a rafforzare il legame tra cittadino ed istituzioni.

Sostenibilità sociale

La mostra verrà realizzata interamente da giovani genovesi. Nella realizzazione saranno coinvolte diverse istituzioni del mondo dell'istruzione, come l'Università degli Studi di Genova e le scuole secondarie di secondo grado.

Sostenibilità ambientale

L'associazione si impegna ad utilizzare solamente materiali riciclabili e/o riciclati. I contenuti della mostra saranno disposti su strutture in acciaio.

Sostenibilità economica

Il progetto sarà sostenibile economicamente in quanto i costi verranno coperte da sponsorship, donazioni e offerte per la mostra. Tutti gli utili saranno devoluti in beneficenza

Chi Siamo

Siamo una associazione di promozione sociale nata dall’idea di due giovani genovesi che, terminata la laurea triennale, hanno deciso di andare a studiare fuori sede. L’associazione è nata con lo scopo principale di allestire una mostra in cui la cittadinanza potesse contribuire a celebrare la resilienza che il popolo genovese ha dimostrato dopo la caduta del viadotto Morandi. Il ruolo dei giovani è fondamentale, in quanto la mostra verrà realizzata quasi esclusivamente da under 30, con anche lo scopo di coinvolgere le giovani leve al fine di permettere loro di applicare le conoscenze teoriche apprese e, per i più giovani, mantenere viva la memoria di ciò che è accaduto.

Il nostro team

Davide Piccoli

Davide Piccoli

Ideatore

Sono co-ideatore del progetto, e mi occupo di supervisionare il lavoro del team social, e l'allestimento della mostra. Partecipo al progetto per dare un contributo tangibile alla città di Genova. Il progetto per me è un modo di celebrare la resilienza della città di Genova

Daniele Lavezzo

Ideatore

Sono co-ideatore del progretto insieme a Davide. Mi occupo delle relazioni con i partner terzi. Il progetto per me rappresenta un modo per dare un piccolo contributo alla mia città, applicando le conoscenze che sto imparando fuori. Anche se ormai non vivo più a Genova da più di un anno, rimane comunque parte di me

Mirjam Frakulla

Team social

Gli eventi successivi alla caduta del ponte Morandi e la capacità di resistere e rinascere di Genova mi hanno molto colpita, per questo quando Daniele mi ha parlato di questo bellissimo progetto mi sono subito offerta per potere dare una mano

Laura Lagrotteria

Team social

Ho colto al volo l'opportunità di entrare nel team del progetto perché viaggiare è stupendo, ma il legame con la propria città di nascita è indistruttibile, perciò anche io voglio dare il mio contributo

Arianna Senatore

Team mostra

Non sono nata a Genova, ma ha costituito metà della mia vita: mi piace l'idea di dare un piccolo contributo alla mostra in questo suo momento di rinascita

Federico Barbieri

Team Mostra

La mia tesi di ricerca riguardava il ponte Morandi e la percezione dei rischi. Sono ben felice di potermi mettermi a disposizione della comunità partecipando a questo progetto

Chiara Morosini

Team fotografia

Quando Daniele mi ha chiesto di partecipare ho colto subito l'occasione perché per me Genova è casa, e perché nella difficoltà trova sempre la forza di riprendersi

Morena Mazzari

Team mostra

Nel mio piccolo ho voluto dare il mio contributo a questa iniziativa per dare voce e valore a tutte quelle persone che sono state colpite da questa triste vicenda. Allo stesso tempo però voglio dare il mio contributo ad una iniziativa che celebri la rinascita della comunità genovese

Simone Montefinese

Team Mostra

Vorrei che il mio ruolo all'interno del progetto fosse quello di informare le persone per renderle più consapevoli del pianeta in cui viviamo

Perché una mostra?

Un mese circa prima di partire per intraprendere le nostre nuove esperienze, il 14 agosto 2018 il viadotto Morandi crolla, lasciandoci attoniti, sconvolti e increduli come tutti i cittadini genovesi. Passano i mesi, e molti nostri nuovi colleghi pongono la domanda "Come è la situazione a Genova?". La risposta che si aspettavano, probabilmente, era negativa; ma in quei mesi, in realtà, Genova aveva già cominciato a rialzarsi. Spinti da queste motivazioni, a Febbraio 2019 iniziamo a scrivere un progetto per dare un piccolo contributo alla nostra città, applicando le conoscenze apprese in quel periodo.